Il Parco Nazionale degli Ecrins

pne-1510

Réallon: porta d'ingresso del Parco Naturale Nazionale degli Ecrins.

Il più importante parco naturale francese, vi invita a scoprire la sua fauna e la sua flora in uno spettacolo permanente dove si uniscono camosci, marmotte, gigli arancioni, aquila reale e stelle alpine. Prestiamo molta attenzione alla qualità dei nostri paesaggi. La montagna allo stato puro!

Creato nel 1973, il Parco Naturale Nazionale degli Ecrins è il parco europeo di alta montagna. Tale vocazione internazionale gli ha valso nel 1990 e nel 1995 l'assegnazione del diploma europeo conferito dal Consiglio d'Europa. Intagliato da profonde vallate dalle forti caratteristiche, il Parco Naturale Nazionale degli Ecrins è un crocevia bio-climatico tra le Alpi settentrionali e le Alpi meridionali. Tanto per darvi un'idea della varietà di questo luogo eccezionale. Varietà dei paesaggi, della fauna, della flora e della particolarità delle sue vallate.
chamois-ecrins-1507

La fauna e la flora

Dalla stella alpina alla lavanda, dal ranuncolo dei ghiacciai alla peonia pellegrina, tutto contribuisce a riunire le specie del grande nord e le belle specie mediterranee. Quest'ultime, dai mille colori, hanno colonizzato i versanti sud del massiccio dove il Parco Naturale Nazionale degli Ecrins si distende sotto il sole dell'Embrunais.

È proprio qui, dietro i picchi e in fondo alle valli del Rabioux, del Couleau e di Réallon che si nascondono marmotte e camosci sotto lo sguardo dell'aquila reale... Sui pendii aridi di queste rocce friabili dalle pareti tormentate, la linaria e la berardia lanuginosa condividono il terreno roccioso con la genziana o con l'aquilegia alpina. Dei nuovi orizzonti da scoprire passo dopo passo lungo i sentieri.  
serredumoutonforet-1509

Il larice

Rappresenta l'essenza tipica delle Hautes Alpes. La metà delle foreste di larici francesi si trova in questa provincia!

È la sola conifera a perdere gli aghi in inverno. Cresce più o meno ovunque e ha scarse esigenze ecologiche. Sopporta bene il clima molto rigido della montagna e fornisce un legno di eccellente qualità adatto a vari usi.

Cresce spesso nelle zone abbandonate dall'uomo. È una specie pioniera e di conseguenza a carattere non permanente poiché quando ha consolidato un clima forestale, altre piante, più opportuniste, si sviluppano all'ombra del suo fogliame chiaro e lo colonizzano(come il pino e il pino cembro).

È una pianta che si presta molto bene ad un utilizzo multifunzionale studiato per le zone di montagna (fornitura complementare per i pascoli, ma anche come legname da costruzione o per il riscaldamento, per le protezioni dei terreni, etc.)
Stampa
spartire :